cooperativa pescatori Borgo Marina Cervia la fenice
HOME LE FAMIGLIE QUALCHE STORIA I SOPRANOMI I PERSONAGGI LE FOTO CONTATTO CERCA
Spaziatore Farabegoli



Vorrei ricordare un fatto accaduto il 6 luglio 1944, siamo in piena guerra e liberata Roma ai primi di giugno gli alleati iniziano la risalita della penisola italiana, dopo avere perso diverse posizioni i tedeschi si attestano sulla linea che, partendo da Massa Carrara sul mare Tirreno arriva, attraverso gli Appenini a Pesaro sul mare adriatico, la famosa linea Gotica.
A partire dal 14 giugno 1944 fino al 17 settenbre 1944 il comune di Cervia subisce 17 attacchi aerei da parte degli alleati, il 3 di luglio una incursione di 6 aerei colpisce a Savio il ponte della ferrovia, quello stradale e alcune abitazioni causando 4 morti, il giorno dopo si ripete l'incursione e le bombe cadono sulla via Sospiri, alle ore 10 del 6 di luglio a essere colpiti sono Pinarella, Tagliata e a Cervia: via Miramare, la stazione, via Salara , via Romea, viale Volturno, il magazzino del sale, e purtroppo, nel borgo marina, alcune case civili poste accanto alla torre lato, mezzora dopo tra le macerie periscono 9 persone di cui 7 accertate e 2 disperse sono: Giordani Pasqua n. 1936, Bilancioni Gino n. 1909, Penso Fulvio n.1886, la moglie Sartini Santa n.1890 il figlio Penso Giuseppe n.1933, Foli Lino n.1939, Penso Giovanni n.1898, Martini Elio n.1929 un nono di cui non conosciamo il nome e 4 feriti.
Il 22 ottobre 1944 Cervia viene liberata ma i tedeschi prima di partire minano e fanno saltare il ponte collocato tra la Torre San Michele e il magazzino del sale lato Milano Marittima, affondato le barche dei pescatori per ritardare l'avanzata dell'VIII Armata.
Nei giorni a seguire viene realizzato un ponte provvisorio a qualche decina di metri dal vecchio fatto, ad ambo i lati, di pali, assi  e riempito con sabbia e terriccio, nella stessa posizione dove sorgerà poi il ponte S. Michele, alcune case non vengono riedificate per lasciare posto negli anni a venira a via piazzale Maffei.
La cosa che mi incuriosisce è che nella zona dove adesso si trova il bistrò Sale Dolce e il ristorante Da Renzo non ci sia nulla che ricordi questo avvenimento,
del resto c'è da dire che queste non sono state le sole vittime nel nostro comune, oltre ai morti del borgo marina, Cervia conta un'altra dozzina di vittime sotto le bombe alleate.

case ponte
In questa veduta del borgo marina si vede a destra l'albero e parte delle case poi distrutte dal bombardamento in questa foto si intravedde il ponte provvissorio, il magazzino Focaccia lato Milano Marittima e alcune barche semi affondate
tomba tomba




freccia sito Farabegoli ritorna
  © Farabegoli Fiorenzo